instagram

L’implantologia dentale basale

L’implantologia dentale basale è un metodo moderno di impianto che permette di sbarazzarsi dei difetti dentali. È stato usato per più di 30 anni, dà buoni risultati e ha diversi vantaggi rispetto all’impianto classico. Ad esempio, nel processo di implantologia basale, l’impianto basale viene installato contemporaneamente alla protesi. Ciò è possibile anche se il paziente presenta un tessuto osseo atrofizzato. Inoltre, in seguito ad implantologia basale si esclude perdita ossea.

Questo può essere spiegato dalla struttura e dalle caratteristiche dell'impianto stesso: dispone di una forma a “T” rovesciata e viene ancorato all’osso mascellare dal lato. Questo significa che durante la masticazione, l’intero carico è posto sull'osso di base. Resiste alle sollecitazioni e ha un alto tasso di rigenerazione. Vale anche la pena menzionare che l'impianto è realizzato in titanio altamente lucidato. I microbi non vi aderiscono e quindi il rischio di infezione dell’impianto viene completamente eliminato.

Vantaggi dell'impianto basale.

Uno dei vantaggi dell'impianto basale è che la procedura viene fatta solo una volta. L’intervento viene eseguito su base ambulatoriale, ma non è necessaria l’ospedalizzazione dopo l’impianto. La procedura dura di solito fino a 40 minuti, a seconda del numero e del tipo di protesi e della zona da operare. L'intervento viene eseguito sotto anestesia. Il paziente non sente dolore. La procedura è considerata minimamente traumatica, e i pazienti non hanno nemmeno punti di sutura. Il processo di impianto è più facile che con le protesi elicoidali. Poiché, a differenza delle ricostruzioni a vite, gli impianti basali sono impiantati nel tessuto osseo senza che il lembo sia girato, il sangue non si accumula nello spazio tra il tessuto osseo e il tessuto molle della mascella.

Viene rapidamente espulso dalla cavità creata attraverso i tagli nei tessuti molli. Di conseguenza, il paziente non soffre di mal di testa a causa dell’aumento della pressione all'interno dell'osso. Appena 4-7 giorni dopo l'intervento la funzione masticatoria è già ripristinata.

In questo modo, il rischio di caduta è ridotto al minimo. Gli implantologi possono riparare il difetto o sostituire la protesi con una nuova.

Indicazioni principali

L’uso di impianti basali nell’odontoiatria moderna è molto comune. Ecco perché i medici della nostra clinica sono dei veri esperti in questo campo. Gli impianti dentali basali sono utilizzati in diversi casi:

  • nel processo di distruzione dei denti di supporto, soprattutto dopo la fissazione della protesi parziale rimovibile;
  • se il classico impianto dentale in due fasi non è possibile, perché il paziente è controindicato a eseguire un intervento di aumento dell’osso;
  • se un singolo dente o un’intera fila di denti devono essere restaurati;
  • quando si verificaatrofia ossea completa o parziale nella mascella inferiore e/o superiore;
  • se il paziente non può usare protesi acriliche rimovibili per motivi di salute (allergie, ecc.)
  • in caso di grave malattia delle gengive con malattia parodontale.
Back